Condividi l'articolo:

Guadalupa

Nelle ultime settimane Guadalupa e Martinica sembravano essere le uniche mete al caldo raggiungibili in questo periodo di limitazione dei viaggi extra UE. Pur trovandosi ai Caraibi, ed in particolare nelle Antille Francesi (Piccole Antille), si tratta infatti di territori europei, perché francesi a tutti gli effetti.

I successivi lockdown, sia in Francia che in Italia, hanno di nuovo messo un freno alle nostre speranze, ma non ci hanno tolto la voglia di viaggiare! Continuerò quindi anche nelle prossime settimane a raccontarvi di luoghi che un giorno torneremo a visitare!

In questo articolo approfondisco in particolare l’arcipelago di Guadalupa, perché diversi clienti si erano approcciati a questa destinazione proprio per l’apertura dei confini, ma queste isole sono ancora poco conosciute: prenderle in considerazione come “unica scelta” al caldo può essere rischioso per chi si aspetta un genere di vacanza diverso.

Le Antille Francesi sono un’ottima soluzione per molti e presentano diversi punti di forza, ma -come scrivo sempre- bisogna essere consapevoli delle specificità e scegliere con consapevolezza.

Vediamo quindi per chi è adatta Guadalupa e anche dove soggiornare a seconda delle tue esigenze: se la scelta della meta fosse “obbligata” puoi sempre scegliere la zona e la soluzione più adatta al tipo di vacanza che cerchi.

Guadalupa può essere una valida alternativa per te se:

  1. Non cerchi la classica vacanza in villaggio
  2. Ti piace esplorare ogni giorno una spiaggia nuova e fare esperienze di diverso tipo
  3. Non hai passaporto o non vuoi fare scalo negli Stati Uniti
  4. Ti interessano luoghi autentici ed in parte ancora incontaminati
  5. Ami le spiagge libere e fare pic nic
  6. Sei già stato nelle isole più turistiche, vuoi tornare ai Caraibi per visitare posti nuovi però cerchi un’alternativa ancora abbordabile economicamente
  7. Ti piacciono i paesaggi tropicali, le foreste rigogliose e le escursioni naturalistiche o di trekking
  8. Il tuo intrattenimento ideale non sono gli spettacoli dell’animazione ma è fare una passeggiata tra negozietti e porticcioli
  9. Ti annoi a stare sempre in spiaggia a prendere il sole e cerchi attività alternative
  10. Ti piacciono i dolci francesi

foto di gruppo

Le isole della Guadalupa e le diverse zone

Ho già parlato della Guadalupa in un articolo di “mete a confronto”, evidenziando le specificità e le differenze rispetto all’isola di Antigua.

Più nello specifico, il Dipartimento d’Oltrermare di Guadalupa è composto da: Grande Terre, Basse Terre (le due isole principali che formano la famosa forma a farfalla), Marie Galante, La Désirade e Les Saintes (un altro piccolo arcipelago).
La zona più turistica, dove si concentra la maggior parte degli Hotel, è la costa sud di Grande Terre. Questo è anche il tratto di costa che presenta le spiagge più belle, almeno nell’immaginario ideale di noi italiani: sabbia fine e chiara, mare calmo e digradante.

Guadalupa spiaggia

E tra le varie località della costa sud, quale scegliere per il proprio soggiorno?
Ecco qualche indicazione per aiutarti nella scelta:

  • Gosier è stato il primo centro turistico dell’isola e anche gli Hotel sono costruiti secondo i canoni degli anni ’80; è importante conoscere di persona le strutture per evitare i “casermoni” che non piacciono a noi italiani e scegliere quelle strutture che hanno saputo rinnovarsi e creare piccole spiagge riparate davvero incantevoli
  • St. Anne ha una bellissima spiaggia ed è un paesino molto caratteristico e tranquillo
  • St. Francois ha una marina suggestiva, davvero perfetta per chi la sera cerca un’atmosfera rilassante tra ristorantini, locali, negozietti e naturalmente barche ormeggiate; in questo caso, però, di giorno è meglio spostarsi su altre zone perché le spiagge qui non sono un granché.

L’isola di Basse Terre è invece il paradiso per gli amanti della natura: foreste, giardini, cascate e percorsi trekking.
Le spiagge sono bellissime soprattutto a nord-ovest: sabbiose, dorate e molto estese.

Deshaies

Un viaggio in Guadalupa merita però assolutamente almeno una traversata verso una delle altre isole minori.

Soffro molto il mal di mare ma nonostante questo in ogni mio viaggio riesco sempre ad infilare almeno un’escursione in barca. Personalmente consiglio l’isoletta di Marie Galante e -se cerchi un posto fuori dal mondo- ti invito anche a soggiornare almeno 2/3 notti qui, perché potrai staccare da tutto ed immergerti veramente in un luogo sospeso.

barche

Guadalupa: dove soggiornare se cerchi una vacanza stanziale

Premessa: ritengo sprecato recarsi in Guadalupa e restare fermi in una sola località.
Il mio consiglio resta assolutamente quello di noleggiare un’auto per tutto il periodo della vacanza, ma se stai valutando questa meta come alternativa alla tua solita vacanza stanziale invernale che quest’anno non potrai fare, allora ti propongo come località St. Anne.

In particolare solitamente io propongo una soluzione simile ad un villaggio, che dispone di appartamenti con cucina (per chi vuole girare di giorno ed essere indipendente) ma inseriti in un resort che offre tutte le comodità e i servizi: ristoranti, intrattenimento, spiaggia con lettini, minimarket e diverse attività sportive disponibili.

village club

Conclusioni

Le Antille Francesi sono isole molte autentiche e ancora poco turistiche, dove si può vivere un’esperienza reale a contatto con le popolazioni e si può respirare la loro particolare atmosfera, che è un mix di cultura francese e ritmi caraibici.

Forse non le hai mai considerate per una vacanza oppure le avevi scartate per qualche motivo o pregiudizio.
Hai cambiato idea con questo articolo? O continuano a non essere il tuo ideale di meta?

Bisogna comunque conoscere bene le diverse zone e scegliere dove soggiornare a seconda di ciò che stai cercando.
Anche se cerchi il “dolce far niente” c’è la soluzione per te! Oppure potresti approcciare una tipologia di vacanza diversa dal solito, a cui non avevi mai pensato.

E tu, avevi già in mente queste isole come possibili mete per le tue vacanze?

Lascia un commento


Condividi l'articolo: